Perché nei robot da cucina la potenza va di pari passo con il wattaggio

Il robot da cucina è uno degli apparecchi più multifunzionali in commercio, ma bisogna conoscerne dettagli e sfumature per poter scegliere il modello più adatto. Da quando è entrato nelle nostre cucine questo straordinario e provvidenziale elettrodomestico  ha semplificato il modo di cucinare, facendoci risparmiare tempo, fatica e soprattutto aprendo orizzonti culinari inesplorati grazie alla miriade di funzionalità che permettono di preparare anche le ricette più complesse ed elaborate con la massima semplicità. Se ancora non l’abbiamo, è arrivato il momento di acquistarne uno anche sfruttando gli sconti e le promozioni del momento. Potenza e wattaggio, che vanno di pari passo, sono fra le caratteristiche basilari nella scelta di un buon robot da cucina, soprattutto se non ci si accontenta del solito robotino tritatutto.

I moderni robot da cucina sono ben altra cosa, quasi tutti multifunzione e anche i più basici incorporano la funzione di frullatore, tritatutto e impastatrice, solo per citare i più diffusi. A differenza di quanto si possa pensare non richiedono motori particolarmente potenti, si va dai 250 ai 750 watt, pur consentendo di raggiungere performance semiprofessionali. Se, invece, la scelta cadrà sui moderni food processor che in aggiunta a tutte le attività suddette sanno anche cucinare, allora si avrà bisogno di un modello più avanzato con wattaggio superiore ai 750 W. In tutti i casi velocità e potenza sono regolabili, per permettere di impostare in automatico o manualmente il giusto grado di temperatura per ogni tipo di preparato o cottura.

Chi dispone di una cucina spaziosa potrà sbizzarrirsi anche sulle dimensioni del robot da cucina, disponibile in varie grandezze e capienze, se invece si vive in un bilocale con angolo cottura si dovrà necessariamente acquistare un modellino compatto e ‘salva-spazio’ In base anche al numero di persone per cui si deve cucinare, si possono trovare in commercio robot da cucina dotati di capienza da 1,5 a 4 litri o 6 per i modelli professionali utilizzati nei forni, nelle pasticcerie o nei ristorantini, che lavorano ‘no stop’ senza surriscaldarsi. Se la lettura vi ha stuzzicato la curiosità e volete saperne di più sul mondo dei robot da cucina potete informarvi meglio su www.migliorerobotdacucina.it con articoli anche su ricette o su come fare il pesto con un robot da cucina.