Aspiracenere o bidone aspiratutto?

La possibilità di utilizzare un camino in città è sempre più gradito agli italiani, proprio per la suggestione che esso riesce a ricreare all’interno delle abitazioni. Se una volta esso era confinato nelle case di campagna o nelle abitazioni dei piccoli centri rurali, ora sono molti coloro che vogliono approfittarne anche in ambiente urbano, non solo per riscaldare la casa, ma anche magari per preparare alimenti alla brace.
Un lusso che però può comportare anche qualche controindicazione, in termini di cenere che va a diffondersi nell’ambiente, contribuendo notevolmente alla sporcizia dei pavimenti. Diventa quindi necessario riservare un surplus di attenzione per cercare di tenere puliti gli ambienti e al proposito la domanda che si pongono in molti è la seguente: esistono macchinari creati appositamente per la bisogna? La risposta è positiva.

Il bidone aspiracenere

Lo strumento tecnologico che puà risultare risolutivo nel trattamento dei residui prodotti dalla combustione che avviene nel camino è l’aspiracenere. Si tratta di un apparecchio elettrico al quale è delegata la funzione di aspirare esclusivamente la cenere che viene prodotta dalla combustione della legna, del pellet, e/o di altri materiali utilizzati che sono solitamente utilizzati al fine di far funzionare una stufa, un barbecue e/o il camino. Si tratta di un macchinario in grado in particolare di rivelare tutta la sua utilità quando si tratta di dare vita alla pulizia quotidiana della stufa a pellet.
Per quanto riguarda la sua composizione, si giova della presenza di un motore posizionato nella parte alta, mentre il filtro si trova a sua volta all’interno del bidone, nella parte bassa del motore d’aspirazione.
Per saperne di più, soprattutto da un punto di vista squisitamente tecnico, e avere magari informazioni sui prodotti che sono attualmente presenti in commercio, il nostro consiglio è di visionare con attenzione questo sito, una vera e propria panoramica dedicata al settore.

Meglio l’aspiracenere o il bidone aspiratutto?

Non sono pochi i consumatori che confondono l’aspiracenere con il bidone aspiratutto. Si tratta però di due macchinari profondamente diversi. Il primo, infatti, è espressamente delegato al trattamento di residui della combustione, tanto da essere costruito esclusivamente con parti metalliche, mentre il secondo nonostante il suo nome non è adatto a questo utilizzo, in quanto presenta anche componenti in materiali plastici che potrebbero essere danneggiati dal contatto con braci ancora ardenti. Il bidone aspiratutto, infatti, viene utilizzato all’interno dei cantieri o per la rimozione di materiali grossolani, a patto che appunto non siano ardenti, ad esempio i calcinacci, la segatura, i sassi o le foglie